Privacy Policy Acque reflue - come siamo messi in Italia? • Cristina Gabetti Skip to main content

Acque reflue – come siamo messi in Italia?

By Marzo 29, 2021Aprile 6th, 2021ecology, sdg 11, sdg 14, sdg 15, sdg 6

Nel nostro paese investiamo troppo poco nella filiera che garantisce agli italiani l’accesso e il trattamento di un bene prezioso: l’acqua. Un sotto investimento protratto nel tempo, con il conseguente accumulo di inadeguatezze.
Per capirne di più sui problemi che il nostro paese deve superare, l’impatto che hanno sia sui cittadini che sul PNRR e l’erogazione di fondi necessari per portarci al passo, abbiamo incontrato Giordano Colarullo di Utilitalia, la Federazione che riunisce le aziende che operano in questo settore.

Non solo, i nostri bacini idrici sono in sofferenza. Depurare le acque reflue con attento monitoraggio ed efficientare le reti di distribuzione sono misure urgenti. Vi raccontiamo un caso virtuoso – quello di MM spA, grazie ad Andrea Aliscioni, Direttore Servizio Idrico.

Parte I – La situazione gestionale in italia

Parte II – Servizio idrico integrato

Parte I

Cristina: Il quadro generale della gestione idrica nel nostro paese è frammentato, in alcuni casi preoccupante, tanto che la multa per il mancato rispetto della direttiva 91/271/CEE che regola il trattamento delle acque reflue urbane costa agli italiani €60 milioni di euro l’anno. Potremmo investirli che perderli. Buongiorno Giordano. Sono 74 gli agglomerati urbani fuori regola. Quali sono le conseguenze di questa inadeguatezza?

Giordano Colarullo: Indubbiamente la conseguenza più importante è di carattere ambientale, l’inquinamento nei fiumi, nel mare – che se ne fa un uso ricreativo, anche per la salute umana, rendendolo non balneabile. Oltre al danno abbiamo anche la beffa perché paghiamo salatamente l’Europa piuttosto che usare quei soldi per fare degli investimenti e superare così le infrazioni.

Cristina: Quali sono le ragioni di questa inadeguatezza?

Giordano Colarullo: In realtà l’inadeguatezza sulla depurazione insieme al livello di vetustà delle reti acquedottistiche derivano da un livello di sotto-investimento importante che si è protratto nel tempo. Più di recente, la situazione sta migliorando ma siamo ancora nella media nazionale a €44 procapite, a fronte di una media europea che va tra gli €80-90 procapite, quindi la strada da percorrere è ancora lunga. Però il dato medio nazionale è un po’ sviante, ci sono forti differenze tra un nord a un centro che superano i €60 procapite e alcune zone del sud che stanno attorno al 25%. La situazione si fa disastrosa se guardiamo quei comuni che non hanno ceduto l’attività, l’hanno tenuta per se e direttamente opera nel servizio grigio. Quelli stanno intorno ai €5 procapite.

Cristina: Wow. Qual è l’ente che dovrebbe regolare tutto questo e far si che ci si porti al passo?

Giordano Colarullo: L’ARERA (Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente) che è l’ente regolatore, ha posto grandi traguardi per il sistema e i più gravi gestori industriali sono riusciti a più che raddoppiare il loro livello di investimento procapite e migliorare la qualità del servizio. Il vero problema non è tanto l’ente regolatore ma arrivare a conclusione di un percorso di riforma che per alcune parti d’Italia non è mai arrivata a conclusione e quindi vede i comuni gestiti ancora direttamente.

Cristina: Quali sono le soluzioni nell’immediato?

Giordano Colarullo: I gestori devono continuare a fare quello che stanno facendo, semmai incrementare ulteriormente la loro capacità di investimento, invece un appello vero è al governo di sfruttare questa congiuntura del PNRR (Piano Nazionale Ripresa e Resilienza), far si che quelle parti che non sono ancora state toccate della riforma e non ci sono gestori industriali di servizio integrato, veramente superino questo ostacolo e arrivino ad avere gestori anche loro, perché i cittadini meritano un servizio adeguato e di livello europeo, non quello che hanno ora.

Cristina: Il PNRR richiede dei tavoli coordinati, adesso si stanno formando?

Giordano Colarullo: Noi seguiamo la partita dall’estate. C’è stato un grande lavoro, sicuramente con alti e bassi, non è un task facile, quindi osserviamo con attenzione e cerchiamo di interloquire a livello tecnico naturalmente, per dare il nostro contributo con delle progettualità di soggetti industriali credibili.

Cristina: Grazie Giordano. Gli SDG di riferimento per questo servizio, il 6, l’11, il 14 e il 15 sono tutti in stato critico. Senza un’audace sinergia pubblico-privato non sarà possibile portarci al passo. Occhio al futuro

In onda il 27-3-2021

Parte II

Cristina: Oggi parliamo ancora di acqua, perché i più recenti rapporti sull’avanzamento dell’Agenda 2030 ci dicono che sull’SDG 6, garantire entro la fine di questo decennio una gestione sostenibile delle risorse idriche, c’è ancora molto da fare. Siamo a Milano in un impianto di depurazione di acque reflue per raccontarvi un processo virtuoso di gestione integrata che inizia proprio qui, dove arriva l’acqua di fogna. Questo è il laboratorio di analisi chimiche che analizza l’acqua in tutte le sue fasi, 365 giorno l’anno e questo è il laboratorio di analisi microbiologiche. Questa è l’acqua di fogna, quella che entra in questi depuratori e questa è l’acqua che esce. Andrea, che cosa succede in queste vasche?

Andrea Aliscioni: Questo è il cuore del trattamento dell’impianto biologico, dove i fanghi attivi degradano tutti gli inquinanti disciolti presenti nelle acque reflue, in modo che poi questi inquinanti siano trattenuti prima dello scarico in acque superficiali, evitando di inquinare i nostri corpi idrici. La linea acque prosegue in questa altra sezione di trattamento dove l’acqua depurata viene separata dai fanghi attivi che l’hanno depurata. I fanghi attivi vanno sul fondo e vengono ricircolati, l’acqua prosegue il suo percorso di affinamento per essere recuperata come risorsa. Siamo finalmente alla fine del nostro ciclo di depurazione dove l’acqua filtrata e disinfettata è pronta per essere restituita all’ambiente e diventare nuova risorsa.

Cristina: Andrea cosa significa gestione integrata e che vantaggi comporta?

Andrea Aliscioni: La gestione integrata, innanzitutto, da un nuovo valore a questa risorsa che abbiamo creato, rendendola disponibile per il mondo agricolo, per gli agricoltori per irrigare i campi, con grandi risparmi ovviamente. Non solo, rappresenta anche un nuovo vettore energetico. Da quest’acqua possiamo estrarre calore e qui la usiamo per rinfrescare o scaldare i nostri edifici. Inoltre, la gestione integrata vuol dire anche integrare tutti i pezzi della filiera idrica compresi le reti della fognatura e dell’acqua potabile per creare efficienza.

Cristina: Grazie. Questa attività adempie agli SDG 6 acqua pulita per tutti, 11 città e comunità sostenibili, 14 la vita sott’acqua e 15 la vita sulla terra. Gestione integrata comporta vantaggi economici e ambientali.
Occhio al futuro

In onda il 3-4-2021