Stefano Mancuso – Cosa possiamo imparare dalle piante?

By Aprile 27, 2020 Giugno 25th, 2020 ecology, sdg 11, sdg 12, sdg 13, sdg 3, sdg 7

L’emergenza coronavirus ci pone tutti di fronte a grandi sfide, ma possiamo riconoscere i benefici di aver rallentato i ritmi. La natura è tornata a respirare e questo è curativo anche per noi. Abbiamo deciso di festeggiare il 25 aprile con il neurobiologo Stefano Mancuso affinché siano le piante a ispirarci anche quando torneremo in attività. Perché insegnano a usare le risorse disponibili, a non sprecarle, e a essere consapevoli del mondo circostante. La salute dei sistemi naturali e la nostra sono profondamente interconnesse.

Cristina: Chi meglio delle piante può insegnarci a trovare la libertà in questo momento di costrizione del movimento fisico che stiamo tutti vivendo? E perchè è così importante capirlo adesso per promuovere lo sviluppo sostenibile? Ne parliamo con Stefano Mancuso, che dalle regole che governano il mondo vegetale trae grandi insegnamenti.
Buongiorno Stefano, cosa possiamo imparare da queste piante per vivere al meglio la quarantena?

Stefano Mancuso: Diciamo che le piante sono gli organismi adatti a cui ispirarci in un momento in cui non ci possiamo muovere. Di fatto noi ora siamo fermi come delle piante, le nostre città sono silenziose come dei boschi e ci accorgiamo che molte cose cambiano. Stiamo più attenti alle risorse, non sprechiamo. Siamo più consapevoli dell’ambiente che sta intorno a noi, davvero credo che da questo punto di vista l’aver rallentato il tutto possa essere stato un gran bene per la nostra capacità di comprensione dell’ambiente e delle risorse del pianeta.

Cristina: In questo momento ad esempio cosa stanno facendo le piante, che è importante per noi comprendere?

Stefano Mancuso: È un momento particolare dell’anno, in questo momento le piante stanno utilizzando le risorse al meglio che hanno accumulato durante l’inverno e le nuove che stanno cercando. Stanno comunicando per convincere gli insetti a impollinarle, stanno facendo tutto quello che è necessario per mantenere la propria specie in vita. Questo è, soprattutto, il grande insegnamento che dovremmo trarre dalle piante, la specie è fondamentale e bisogna mantenerla in vita.

Cristina: L’agenda 2030 parla chiaro, questo decennio è determinante per la nostra vita su questa terra, per il nostro futuro. Quali sono le azioni fondamentali da compiere ora?

Stefano Mancuso: Hai detto bene, è fondamentale agire subito. La prima cosa è diminuire l’anidride carbonica nell’atmosfera e quindi bloccare il riscaldamento globale. Questo si ottiene abolendo praticamente qualunque combustibile fossile al più presto possibile. E poi risorse, questo pianeta non ha risorse infinite, è un pianeta finito quindi le sue risorse sono concluse. Dobbiamo imparare a utilizzare quello che c’è. Non sarà niente di nuovo ma è importante farlo subito.

Cristina: Speriamo proprio e ce la mettiamo tutta. Grazie Stefano e buon 25 aprile!

Stefano Mancuso: Grazie Cristina, anche a te.

Cristina: Queste soluzioni adempiono a sei SDG. Siamo parte della natura, che meraviglia. Forse, il primo passo, è di riconoscerlo! Occhio al futuro

In onda il 25-4-2020