L’educazione per il XXI secolo di Fondazione Mondo Digitale

By 11 Maggio, 2020 25 Giugno, 2020 sdg 10, sdg 11, sdg 17, sdg 3, sdg 4, sdg 8, technology

Alfonso Molina con la Fondazione Mondo Digitale, ha creato un modello educativo a tutto tondo, che va dallo sviluppo delle competenze umane e creative all’auto-imprenditorialità, il coding, la robotica, la progettazione di videogiochi. Il suo è un universo tutto da esplorare, pensato per moltiplicarsi da solo, e prepararci in modo celere e capillare alla vita nel XXI secolo.

Cristina: La crisi che stiamo vivendo mette in evidenza sfide e opportunità. Come aiutare le persone che si trovano di fronte a transizioni inaspettate? Ne parliamo con Alfonso Molina, che con Fondazione Mondo Digitale propone il modello di educazione per la vita nel XXI secolo. Buongiorno Alfonso, in cosa consiste?

Alfonso Molina: La personalizzazione dell’educazione e le persone, non solo sono gli studenti, ma anche gli insegnanti e il personale della scuola. Ci sono tre grandi elementi di conoscenza: la conoscenza codificata che conosciamo dalla scuola e l’università, le competenze traversali che sono cose come la creatività, comunicazione, il pensiero critico, questi sono valori per una cittadinanza responsabile che ci permetterà di applicare le altre due per costruire un mondo migliore.

In onda il 9 e 16-5-2020

Cristina: Quali sono le aree di apprendimento?

Alfonso Molina: Noi abbiamo l’apprendimento lungo l’arco della vita, con tutto il cambiamento che c’è, questo è inevitabile, che un esempio è stato l’alternanza scuola-lavoro. In realtà tutto il mondo oggi dovrebbe diventare uno spazio di apprendimento. E finalmente l’apprendimento trasformativo ci fa vedere il mondo in una forma pro-attiva, con curiosità, con esplorazione, mettersi in gioco invece di avere un’attitudine passiva di aspettare che mi arrivino i risultati. Tutto questo noi lo sintetizziamo in una sola parola: auto-imprenditorialità, vogliamo dire che l’educazione di oggi debba insegnare ai ragazzi di essere imprenditori di se stessi.

Cristina: Per mettere in pratica questo modello, nascono le Palestre dell’Innovazione. Come sono strutturate e dove si trovano?

Alfonso Molina: La nostra palestra ha una varietà di laboratori che includono robotica, fabbricazione digitale, animazione 3D, effetti speciali, videogiochi interattivi, coding, qui facciamo intelligenza artificiale. Infine questa è l’area delle competenze digitali che sono fondamentali per il successo della vita nel XXI secolo. Noi abbiamo creato una rete nazionale di palestre che adesso quasi 120 scuole hanno aderito a questa idea, a questo movimento in un certo senso. Ci sono esempi anche molto interessanti di ragazzi che sono diventati formatori della Palestra dell’Innovazione.

Cristina: Inoltre la Fondazione ha digitalizzato molti corsi e offre sostegno tecnico e psicologico a alunni, insegnanti, adulti e anziani. Ne parleremo nella prossima puntata..

 

Parte II
Cristina:Torniamo a parlare di educazione per la vita nel 21 secolo con Alfonso Molina. La sua Fondazione offre anche un importante sostegno alle scuole. Bentornato Alfonso. In che modo aiutate insegnanti e alunni?

Alfonso Molina: Innanzitutto noi abbiamo messo quasi tutte le nostre attività, materiali e progetti online. Abbiamo strutturato più di 70 webinar, c’è un blocco dedicato agli insegnanti, un blocco dedicato a genitori, un blocco dedicato alle classi complete e un blocco dedicato agli over 60.

Cristina: Quali nuove soluzioni sono nate?

Alfonso Molina: Uno dei nostri maker ha creato una visiera protettiva molto leggera, costruita con pvc e di questa molto recentemente abbiamo creato 30, che abbiamo consegnato all’ospedale di Tivoli, all’ospedale di Frascati e anche ai vigili di Frascati. Per tanto queste sono le attività che vengono fuori in un momento che richiede grande solidarietà.

Cristina: Da questa esperienza è nata anche una nuova proposta…

Alfonso Molina: Il progetto Fattore J, che è un progetto dedicato allo sviluppo dell’intelligenza emozionale e l’empatia per persone affette da malattie. Questa settimana ha iniziato e durerà due anni. Spiega l’intelligenza emotiva, l’empatia e il valore fondamentale umano di questo progetto, in questo momento e per il futuro. Dopo c’è un elemento medico dove si spiega e dopo c’è la partecipazione di psicologi che interagiscono con i ragazzi u come comportarsi davanti alle persone che soffrono di queste malattie.

Cristina: Questa impresa sociale adempie a sei SDG 3, 4, 8, 10, 11, 17.

Alfonso Molina: Il sogno sarebbe vedere un mosaico di palestre nazionale dove differenti scuola hanno creato palestre con declinazioni differenti che appartengono alle loro passioni e si trasformano in referenti per altre scuole che hanno scelto un’altra passione. Io vedo che il futuro della educazione in questo senso diventa collaborativo, diventa personalizzato e diventa perofondamente allineato con le sfide e le esigenze del XXI secolo.

Cristina: È il caso di dirlo – Occhio al futuro!

In onda il 9 e 16-5-2020